La storia di Casa Bordino

 

Casa Bordino è nata per volontà della Confraternita del SS. Sudario con atto formale il 17 febbraio 1995,  a distanza di oltre 260 anni dalla chiusura dello Spedale de’ Pazzarelli, che la Confraternita gestiva già nel XVIII secolo.

Regolamento Spedale de Pazzerelli010
Casa Bordino nasce per promuovere iniziative volte all’inserimento e all’integrazione sociale delle persone con disagio psichico. La volontà della Confraternita del SS. Sudario di tornare ad occuparsi del disagio mentale si è nuovamente manifestata in un momento in cui la psichiatria era attraversata da una profonda trasformazione: Casa Bordino, infatti, si pone l’obiettivo di superare il paradigma della psichiatria asilare, dell’emarginazione e dell’esclusione, per entrare nella logica dell’inclusione e della riabilitazione sociale delle persone con disagio psichico.

La formulazione di un programma che promuova la salute mentale deve porsi l’obiettivo di fornire risposte concrete ai bisogni di sostegno ed assistenza di persone che, a causa di problematiche psichiatriche, si trovano in una condizione sociale ed esistenziale di emarginazione. Emerge così l’opportunità di individuare sempre più connessioni tra il pubblico, il mondo del volontariato “no profit” e le famiglie dei disabili psichici per creare una rete sempre più concreta di supporto e di interventi.

 

 

Il nostro uso dei Cookie

Affinché questo sito possa funzionare correttamente abbiamo bisogno di memorizzare file di piccole dimensioni (detti cookies) sul computer. 90% di tutti i siti web li utilizza.
Ci viene richiesto dalla normativa UE che prima di procedere abbiamo bisogno del tuo consenso per procedere.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie